Benedetto Croce e la fondazione linguistica della soggettività

Cartaceo 15,00 - Digitale 0,00

In questo saggio l’Estetica di Croce, uno dei libri più influentiA,A?del Novecento, viene presentata non soltanto come una filosofiaA,A?dell’espressione e una teoria dell’arte, ma come una originaleA,A?fondazione del soggetto, secondo cui, al suo primo apparire,A,A?lo spirito non è altro che una coscienza per immagini. Attraverso una ricostruzione complessiva del pensiero diA,A?Croce, questa interpretazione affronta in modo nuovo la questioneA,A?dello storicismo assoluto.

Svuota

Descrizione

In questo saggio l’Estetica di Croce, uno dei libri più influenti del Novecento, viene presentata non soltanto come una filosofia dell’espressione e una teoria dell’arte, ma come una originale fondazione del soggetto, secondo cui, al suo primo apparire, lo spirito non è altro che una coscienza per immagini.
Attraverso una ricostruzione complessiva del pensiero di Croce, questa interpretazione affronta in modo nuovo la questione dello storicismo assoluto.

Informazioni aggiuntive

Tipologia

Cartaceo, PDF

Autore

Santi Di Bella

Data di pubblicazione

Luglio 2019

Editore

PUP

ISBN

978-88-5509-045-2, 978-88-5509-047-6

Pagine

113