Jean-Philippe Schmit Alle origini della conservazione dei monumenti nella Francia della prima metà dell’Ottocento

Cartaceo 25,00 - Digitale 0,00

Descrizione

Jean-Philippe Schmit è un personaggio poco noto alla storiografia sul restauro architettonico. Figura decisamente poliedrica, nel Ministero dei culti francese era preposto al controllo degli interventi sugli edifici diocesani, ed in tale ruolo cominciò a studiare l’architettura gotica e le problematiche della conservazione dei monumenti. Nel 1837 pubblicò Les églises gothiques, uno dei primi testi che rivalutavano l’architettura gotica francese, e nel 1845 il Nouveau manuel complet de l’architecte des monuments religieux, forse il primo manuale di restauro architettonico. Il testo aveva lo scopo di raccogliere e divulgare il pensiero degli “archeologi” francesi, ed ebbe probabilmente una notevole influenza su Camillo Boito all’epoca della definizione dei principi della disciplina italiana del restauro nel 1883. In questa pubblicazione vengono presi in esame il pensiero e le opere di Schmit in rapporto al contesto culturale francese della prima metà dell’Ottocento ed all’influenza che ebbero sulla teoria del restauro sviluppata in Italia nei decenni successivi. In appendice la traduzione dei brani più significativi tratti dalle opere di Schmit.

Informazioni aggiuntive

Tipologia

Cartaceo, PDF

Autore

Vittorio Foramitti

Data di pubblicazione

Gennaio 2022

Editore

PUP

ISBN

978-88-5509-353-8, 978-88-5509-354-5

Pagine

157